Il mio Instagram 2016

schermata-2016-12-31-alle-11-15-03

Le foto più votate del 2016: 4 fatte a Bologna, una a Milano, una nella campagna senese, una a Selci e una a Siena centro

La mia attività social è più o meno di servizio ai miei lavori per twitter e facebook e più dedicata alle mie passioni su Instagram: la mia passione, ovviamente, è il cazzeggio.

Quest’anno ho postato circa 200 foto in meno rispetto all’anno scorso – 682 contro le 876 del 2015 – soprattutto perchè non ci sono più quartieri romani con lavori di street art vergini per me e anche perchè ogni tanto devo lavorare, ma ho raccolto quasi 16 mila like in più (51 mila lo scorso anno, 67 mila nel 2016)… insomma se fotografo meno, forse faccio delle foto che piacciono di più… anche se non credo che sia proprio così, i social non funzionano su criteri qualitativi…

schermata-2016-12-31-alle-11-16-25

Le più votate dello scorso anno erano scatti fatti a: uno a Procida, due a Weston Super Mare, uno a Bristol, cinque a Roma.

In ogni caso: Buon 2017

 

Senza Palmira

Sentire le notizie che vedono ancora Palmira campo di battaglie e oggi riconquistata dalle forze dello Stato Islamico fa male al cuore. Saperla danneggiarla, inaccessibile, che la sua popolazione debba ancora patire violenze e dolore, vederne violentata l’eleganza e la storia è una colpa gravissima di queste nostre generazioni, che non sono state in grado di evitare tutto questo.

Quando vent’anni fa la vidi apparire nel deserto rimasi folgorato dalla bellezza dei resti romani e dalla forza e dall’armonia delle sue colonne, dalla vista dall’alto della collina. Sembrava che la regina Zenobia avesse lasciato in quel luogo parte del suo fascino e il turista (o il viaggiatore) con l’espressione attonita di chi guarda un tesoro troppo grande per trovare totale soddisfazione in quella vista. Mai potrò dimenticare quel turbine di sensazioni, quel godimento, quel piacere.

Ecco sapere che forse mai più potrò tornare, che difficilmente potrò avere l’emozione di accompagnare mio figlio a visitare quel posto che ho tanto amato è una ferita che va al di là del mio rifiuto della guerra, del mio impegno sociale o politico. E’ sentire una privazione assurda per l’umanità.

schermata-2016-12-12-alle-11-07-11

La regina Zenobia, nelle mie fantasie, era una donna bellissima, coraggiosa. La sua ambigua e provocante energia ne amplifica il fascino. Palmira e Zenobia coincidono moltiplicano la intrigante

Fonti classiche e arabe descrivono Zenobia come bella e intelligente, con una carnagione scura, i denti bianchi perlati e luminosi occhi neri. Si diceva che fosse ancora più bella di Cleopatra, ma che differisse dalla regina egizia per la sua reputazione di estrema castità. Fonti descrivono anche che Zenobia si comportasse come un uomo, amando l’equitazione, la caccia e bevendo di tanto in tanto con i suoi ufficiali e specialmente col suo generale favorito, il capace Zabdas. Effettivamente il bassorilievo rinvenuto a Palmira e conservato nel Museo Nazionale di Damasco mostra una donna attraente e raffinata ed è uno dei rarissimi ritratti della sovrana.